Le quattro grandi tendenze del futuro da seguire in Cina

  • Pubblicato
  • Lunghezza
    3 minuto/i di lettura

Haiyan Li-Labbé, gestore di Carmignac specializzata nella Cina, spiega perché bisogna investire in Cina e illustra le prospettive a lungo termine per l’economia e la Borsa cinese e la strategia di investimento del Fondo Carmignac Portfolio China New Economy

Perché investire nelle azioni cinesi, in particolare in quelle della cosiddetta nuova economia cinese?

Haiyan Li-Labbé: Innanzitutto perché la Cina è la seconda piazza finanziaria più grande del mondo e le azioni cinesi presentano valutazioni interessanti. Oggi sono valutate per oltre 14.000 miliardi di dollari e dovrebbero continuare a offrire opportunità di investimento per i prossimi 10 - 15 anni, in particolare le azioni della nuova economia, che presentano un potenziale decisamente degno di nota.

La cosiddetta nuova economia cinese è il risultato dell’attuale piano strategico, che mira a rendere il paese più autonomo tecnologicamente, e soprattutto del piano di sviluppo 2021-2035 del Partito comunista cinese. Il piano punta su consumi, innovazione tecnologica, salute, urbanizzazione e si presenta come il nuovo motore di crescita del paese, finora dipendente dagli investimenti esteri e dalle esportazioni. La Cina con questo piano si prefigge di generare una crescita più sostenibile e rispettosa dell’ambiente.

Il paese ha varato anche riforme di lungo termine in materia previdenziale, di assistenza sanitaria e di aumento del potere d’acquisto e ormai contribuisce alla crescita dell’economia globale per il 40%. Ha un potenziale economico enorme, che si può cogliere se si adotta un approccio selettivo in termini di scelte di investimento. L’innovazione sarà fondamentale anche per sostenere la crescita futura del paese, che è già leader in numerosi settori come il 5G, il biotech, la robotica o i pagamenti online.

Qual è l’outlook di Carmignac per la Cina?

HLL: Prevediamo una crescita dell’economia cinese di circa l’8,5% nel 2021 con una ripresa dei consumi, anche se bisognerà seguire l’evoluzione delle relazioni con il nuovo governo degli Stati Uniti.

A più lungo termine, il prodotto interno lordo (PIL) della Cina dovrebbe raddoppiare entro il 2035 e il paese dovrebbe diventare la prima potenza economica mondiale davanti agli Stati Uniti. Ci aspettiamo inoltre stabilità politica poiché il presidente Xi Jinping gode di una fortissima popolarità.

Grazie alle riforme, il governo cinese intende aumentare l’autosufficienza del paese riducendone la dipendenza tecnologica ed economica entro il 2025. Abbiamo individuato quattro tendenze principali derivanti dalle riforme, che meritano di essere seguite in futuro: l’innovazione tecnologica, la transizione ecologica, l’evoluzione delle modalità di consumo, la salute e le innovazioni in campo medicale.

Qual è la strategia di investimento del Fondo Carmignac Portfolio China New Economy di cui lei è gestore?

HLL: Al centro del nostro approccio c’è la selezione titoli. Il Fondo non replica un indice di borsa. Selezioniamo le azioni che a nostro avviso offrono il miglior potenziale basandoci sulla nostra esperienza del paese. Carmignac investe in Cina da oltre trent’anni. Siamo convinti che sia indispensabile recarsi nel paese, visitare le aziende, incontrare e parlare con il management, individuare le aziende concorrenti e i partner per far emergere le migliori opportunità di investimento e ridurre i rischi. Ci basiamo quindi su una profonda conoscenza delle società cinesi. Ogni azienda è oggetto di una rigorosa analisi a livello finanziario (crescita a lungo termine, solidità finanziaria…) ed extra-finanziario (ambiente, governance…). E anche dopo avere selezionato le società di cui siamo convinti e che presentano un solido potenziale a lungo termine, analizziamo e monitoriamo costantemente le nostre scelte e le ponderazioni. Privilegiamo le società della nuova economia cinese, le cui prospettive di crescita a lungo termine ci paiono oggi più promettenti grazie alla transizione economica e alle riforme strutturali realizzate nel paese. Puntiamo sulle società leader di settori a forte potenziale, come i servizi internet (e-commerce, consegna di piatti a domicilio), i consumi, la fintech (pagamenti e cloud), il 5G, lo sviluppo delle energie pulite, l’istruzione e la formazione, la salute e le biotech. La nuova economia è inoltre perfettamente in linea con le convinzioni di Carmignac, che intende essere pioniere degli investimenti ESG (ambientali, sociali e di governance). Le società nelle quali il Fondo investe hanno pressoché tutte un rating ESG elevato in START, il nostro tool di rating proprietario specializzato in questo ambito. .


1Indice di riferimento: MSCI China (USD) calcolato con i dividendi netti reinvestiti e convertiti in EUR. (NDEUCHF). Fonte: Carmignac al 08/04/2021..

Carmignac Portfolio China New Economy

Periodo minimo di investimento consigliato

Rischio minimo Rischio massimo

Bassi rendimenti potenziali Alti rendimenti potenziali

1 2 3 4 5 6 7

AZIONARIO: Le variazioni del prezzo delle azioni, la cui portata dipende da fattori economici esterni, dal volume dei titoli scambiati e dal livello di capitalizzazione delle società, possono incidere sulla performance del Fondo.

CAMBIO: Il rischio di cambio è connesso all'esposizione, mediante investimenti diretti ovvero utilizzando strumenti finanziari derivati, a una valuta diversa da quella di valorizzazione del Fondo.

MERCATI EMERGENTI: Le condizioni di funzionamento e di controllo dei mercati "emergenti" possono divergere dagli standard prevalenti nelle grandi borse internazionali e avere implicazioni sulle quotazioni degli strumenti quotati nei quali il Fondo può investire.

LIQUIDITA: Le puntuali irregolarità del mercato possono ripercuotersi sulle condizioni di prezzo che inducono il Fondo a liquidare, aprire o modificare le posizioni.selezionati

L'investimento nel Fondo potrebbe comportare un rischio di perdita di capitale.

*Fonte: Carmignac, 08/04/2021. Per la quota Carmignac Portfolio China New Economy A EUR Acc. Scala di rischio dal KIID (Documento contenente le informazioni chiave per l’investitore). Il rischio 1 non significa un investimento privo di rischio. L’indicatore può variare senza preavviso.